Die Neuapostolische Kirche Schweiz

Mediazione

Da malintesi e divergenze d'opinioni possono sorgere conflitti. Non si possono evitare, fanno parte della vita quotidiana. Ma i conflitti offrono pur sempre anche l'opportunità per cambiamenti e un ulteriore sviluppo. Se questa opportunità può essere sfruttata, dipende sostanzialmente dal modo in cui si affrontano i conflitti.

Come succede dappertutto, dove più persone sono in contatto tra loro, anche nella Chiesa Neo-Apostolica può esserci e c'è un potenziale per conflitti. Essere cristiano significa anche cercare di gestire meglio tali situazioni, chiarire e risolvere i disaccordi nel rispetto reciproco e nell'amore di Cristo. Questo non riesce sempre a priori ed eventualmente richiede una mediazione.  

La mediazione è un processo ben strutturato e facoltativo, con il quale si cerca di risolvere o evitare un conflitto. Con il sostegno di una terza persona che s'impegna per tutte le parti in causa (il mediatore), le persone in conflitto vogliono giungere a un'intesa congiunta che sia conforme alle loro necessità e ai loro interessi. 

La Chiesa Neo-Apostolica Svizzera ha creato il gruppo "Chiarimento di conflitti e mediazione", al quale appartengono diversi mediatori(-trici) specializzati. Ogni membro della Chiesa che desidera risolvere un conflitto può rivolgersi a un ministro di sua fiducia o direttamente a mediation(at)nak.ch. In una conversazione non vincolante si chiarisce poi se la mediazione possa essere una soluzione valida per la persona interessata.  

Informazioni dettagliate sulle premesse, le condizioni, i metodi e le possibilità d'applicazione della mediazione si ottengono nell'opuscolo "Mediazione: chiarire conflitti – trovare delle vie"