Die Neuapostolische Kirche Schweiz

1939 - 1959

1939
Con lo scoppio della Seconda Guerra mondiale, il collegamento dalla Svizzera con il sommoapostolo in Germania diventa più difficile. Le comunità austriache, finora curate dalla Svizzera, ora sono affidate all'apostolo di distretto Georg Schall di Stoccarda.
Dopo 18 anni di benedetta attività quale vescovo, Hans Plüss va a riposo.
Partendo da Basilea, nascono altre comunità in Alsazia, precisamente a Hegenheim, Muespach e Mulhouse-Dornach.
Nella chiesa di Zurigo-Wipkingen, inaugurata il 1° maggio 1932, in un servizio divino 100 anime ricevono il Santo Suggello.
La pubblicazione degli scritti "Wächterstimme“ e "Unsere Familie“, finora realizzati in Germania, viene interrotta. L'apostolo di distretto Ernst Güttinger, per il suo distretto decide di far stampare queste pubblicazioni in Svizzera. 

1940
Da ora il distretto apostolare svizzero pubblica gli scritti "Brot des Lebens“ (fino al 1977), "Christi Jugend“ (fino al 1977), "Ich sende Euch“ (fino al 1957), il libretto "Domande e risposte“, l'opuscolo "Regole e principi“, l'innario per la gioventù e, in licenza, l'innario neo-apostolico.
Il vescovo a riposo Hans Plüss muore il 16 novembre. 

1941
Otto Güttinger, nato il 10 gennaio 1907 a Sciaffusa, il 7 dicembre viene consacrato quale apostolo tramite suo padre, l'apostolo di distretto Ernst Güttinger.
Il distretto San Gallo, che ormai conta 21 comunità con 1'548 anime, viene diviso in due distretti. 

1944
Cristiani neo-apostolici di Zurigo sostengono l'istituzione Soccorso d'inverno e aiutano persone in difficoltà.
Nella comunità di Erstfeld, presso la famiglia Püntener, fino a 100 fedeli si radunano per il servizio divino. I locali esistenti sono sostituiti da una nuova costruzione. 

1945
Negli anni della guerra, i tre apostoli Ernst Güttinger, Rudolf Schneider I e Otto Güttinger, insieme ai vescovi Ernst Eschmann (vescovo dal 1935) e August Stiefel (vescovo dal 1938), hanno curato il distretto apostolare Svizzera, che nel frattempo è cresciuto a circa 25‘000 fedeli. Anche il Lussemburgo, la Francia e l'Italia del Nord vengono serviti dalla Svizzera. Nelle comunità francesi – segnatamente in Lotringia, a Parigi, Tolosa, Marsiglia e alcuni altri centri – vivono quasi 4'000 cristiani neo-apostolici.
Si stabilisce un primo contatto in Jugoslavia: una famiglia neo-apostolica rientra dalla Francia nel suo paese natale, la Slovenia. Per i prossimi due anni ricevono l'assistenza spirituale tramite “Lettere per la cura delle anime”. 

1946
Dopo gli anni della guerra, l'Austria viene nuovamente annessa al distretto apostolare Svizzera.

1947
Il 27 luglio Emil Angst, più tardi vescovo, è incaricato quale conducente della comunità di Zurigo-Wiedikon.
Il 9 novembre, nello Hallenstadion di Zurigo, si svolge un grande servizio divino con il sommoapostolo Johann Gottfried Bischoff. Oltre 11‘000 persone partecipano a questo evento.
Un sacerdote si trasferisce dalla Germania per tre anni in Slovenia. Così, per un certo tempo, i fratelli e le sorelle di quella regione possono assistere a servizi divini.
Durante la Seconda Guerra mondiale, i fratelli e le sorelle di Barcellona erano completamente isolati. Soltanto quest'anno il sacerdote Karl Rose di Zurigo-Hottingen può nuovamente recarsi a Barcellona e prendersi cura della famiglia Reverter.
Nella Cecoslovacchia il governo proibisce la nostra attività ecclesiastica e confisca la chiesa di Nejdek. 

1948
Il Land della Saar è nuovamente servito dalla Svizzera. Anche la Jugoslavia appartiene ora al distretto apostolare svizzero.
Il 15 gennaio viene fondata a Barcellona la prima comunità in Spagna. L'apostolo Otto Güttinger consacra il diacono Juan Reverter quale sacerdote e suggella cinque anime. Da Barcellona la fede neo-apostolica si diffonde in tutta la Spagna.
Il 5 settembre l'apostolo Otto Güttinger tiene per la prima volta un servizio divino a Budapest e suggella 37 anime. Il diacono András László riceve il ministero di sacerdote e l'incarico di conducente della comunità.  

1949
Nel distretto apostolare Svizzera vivono circa 34‘000 cristiani neo-apostolici in oltre 230 comunità. 

1950
Uno dei grandi pionieri nella Svizzera orientale, l'anziano di distretto Emil Baisch, va a riposo. Il suo distretto, con 1'059 anime, è affidato all'anziano di distretto Ernst Streckeisen.
A Linz, sul primo terreno di proprietà della Chiesa, il 13 agosto può essere inaugurata la prima chiesa in Austria. La comunità conta ora 200 membri.
Dopo un duro lavoro, il 12 novembre anche a Ginevra, nella Rue Liotard, una chiesa può essere destinata alla sua funzione.
A Schwarzenburg (canton Berna) viene inaugurata una cappella finanziata dagli stessi membri della comunità. Il conducente, sacerdote Samuel Urwyler, ha affidato la direzione dei lavori a suo figlio Hans, il futuro sommoapostolo. L'inaugurazione avviene il 31 dicembre tramite il vescovo August Stiefel. 

1951
Dopo quasi 50 anni d'appartenenza al distretto apostolare Svizzera, il Lussemburgo, la Francia e il Land della Saar vengono incorporati in altri distretti.
Il 5 agosto, nella Festhalle di Francoforte, il sommoapostolo Johann Gottfried Bischoff tiene un solenne servizio divino al quale partecipano 24 apostoli e circa 14‘000 fratelli e sorelle; altri 40‘000 sono collegati con una trasmissione audio. In questo servizio divino l'apostolo di distretto Ernst Güttinger e l'apostolo Rudolf Schneider I vanno a riposo. Il vescovo Ernst Eschmann diventa il nuovo apostolo di distretto per la Svizzera. 

1952
Proveniente da Langenthal e dopo un breve soggiorno a Lugano, l'anziano di distretto Giovanni Plüss si trasferisce con la sua famiglia a Milano, da dove, per desiderio dell'apostolo di distretto Ernst Eschmann, inizia a divulgare la fede neo-apostolica in Italia.
Ernst Streckeisen, nato il 19 ottobre 1905 a San Gallo, l'8 giugno riceve a Francoforte sul Meno-Ovest il ministero di apostolo dal sommoapostolo J. G. Bischoff. Adesso in tutto il mondo sono attivi 34 apostoli.
Il 28 settembre si effettua la prima trasmissione audio in Svizzera. Nel Kongresshaus di Zurigo il sommoapostolo J. G. Bischoff tiene un servizio divino trasmesso tramite le linee telefoniche in 40 comunità, con 27‘000 partecipanti. 

1953
Dopo poco meno di due anni di attività quale apostolo di distretto, Ernst Eschmann muore il 30 marzo. L'onoranza funebre, tenuta dall'apostolo di distretto Georg Schall alla presenza di 11 apostoli, è trasmessa telefonicamente in altre comunità della città di Zurigo.
Il 19 aprile, nella Tonhalle di Zurigo, il sommoapostolo J. G. Bischoff ordina l'apostolo Ernst Streckeisen quale apostolo di distretto per la Svizzera.
Il vescovo Josef Baur, nato l'11 ottobre 1896 a Sarmensdorf e il vescovo Hermann Hänni, nato il 29 ottobre 1913 a Vogelsang, sono consacrati quali apostoli, l'11 ottobre a Zurigo-Wiedikon. Insieme al loro apostolo di distretto affrontano i tempi difficili in cui l'apostolo Otto Güttinger e i suoi seguaci si distanziano dal sommoapostolo e si incamminano su vie proprie.
Grazie all'instancabile lavoro dell'anziano di distretto G. Plüss, nel Nord dell'Italia nascono in poco tempo comunità a Bolzano, Merano, Varese, Torino e Milano. Più tardi si aggiungono Trento, Parma e Piombino Dese. Un cittadino italiano che abitava ed è stato suggellato a Zurigo, ritorna nella sua patria, a Cattolica, dove mette a disposizione il suo appartamento per tenervi servizi divini. Così, in Italia il lavoro missionario si allarga verso sud.

1954
L'apostolo Otto Güttinger viene destituito dal suo ministero ed espulso dalla Chiesa Neo-Apostolica. Anche suo padre, l'apostolo di distretto a riposo Ernst Güttinger, si allontana dalla Chiesa Neo-Apostolica. 

1955
L'anziano di distretto Max Gurtner, nato il 26 dicembre 1906 a Vienna, il 24 luglio viene consacrato in questa città quale apostolo per l'Austria, tramite il sommoapostolo J. G. Bischoff. È il primo servizio divino tenuto da un sommoapostolo in Austria.
Dopo la nomina dell'apostolo Max Gurtner, poco a poco diversi paesi dell'Est sono affidati alle sue cure e perciò si aggiungono al distretto apostolare Svizzera.
Il diacono Luigi Albert riceve l'incarico di tenere servizi divini in lingua italiana a Lugano e a Como. Questo ha effetti benedicenti, poiché la maggior parte degli ospiti comprende solo l'italiano.
In autunno, per la prima volta, l'apostolo Max Gurtner da Vienna si reca a Zreče (Slovenia). In questo servizio divino può suggellare sei anime e istituire il primo suddiacono: il fratello Korošec che più tardi servirà nel ministero di sacerdote e di evangelista. Pertanto si possono ora tenere servizi divini regolari. L'apostolo Max Gurtner visita anche i fratelli e le sorelle in Croazia, i quali negli ultimi anni stavano unicamente in contatto epistolare con la Chiesa.
L'apostolo Hermann Hänni riceve l'incarico di stabilirsi a Neuchâtel e di prendersi cura dei fratelli e delle sorelle nella Svizzera di lingua francese, nei distretti bernesi e in Spagna. 

1956
L'apostolo a riposo Rudolf Schneider I muore all'età di 78 anni. L'onoranza funebre si svolge a Rorschach, tenuta dall'apostolo di distretto Ernst Streckeisen. Il 10 giugno il sommoapostolo J. G. Bischoff consacra Rudolf Schneider II, nato il 15 novembre 1909 a Hüntwangen, quale apostolo.
Il 1° maggio avviene la suddivisione del distretto Ginevra nei nuovi distretti Ginevra e Neuchâtel.
Il 10 giugno René Hildbrand riceve il ministero di vescovo.
Grazie al riconoscimento statale della Chiesa Neo-Apostolica in Cecoslovacchia, l'apostolo di distretto Ernst Streckeisen e l'apostolo Max Gurtner possono recarsi in questo paese, dove suggellano circa 40 anime. 

1957
L'apostolo Josef Baur muore il 25 gennaio. L'onoranza funebre è tenuta dall'apostolo di distretto Walter Schmidt a Zurigo-Wiedikon. Vi partecipano 21 apostoli da tutta Europa.
Ernst Zimmermann, nato il 19 settembre 1909 Olten, il 16 giugno viene consacrato quale apostolo e subentra all'apostolo Josef Baur nella rispettiva area di attività. 

1958
L'apostolo di distretto Ernst Streckeisen effettua un cambiamento degli statuti. La "Comunità neo-apostolica della Svizzera" si chiama ora "Chiesa Neo-Apostolica in Svizzera“.
A San Gallo si è trovato un terreno alla Dufourstrasse 76, dove il 10 marzo può avvenire la rimozione della prima zolla per la costruzione della nuova chiesa.
Il vescovo August Stiefel – un pioniere nella Svizzera occidentale – il 2 novembre viene messo a riposo.
In quest'anno anche a Neuchâtel può essere inaugurata una chiesa. 

1959
Con l'inaugurazione della chiesa di San Gallo-Centro, il 18 gennaio, il numero delle chiese proprie si stabilisce a 313. Il numero dei membri è di 37‘445.
Il 10 maggio l'apostolo di distretto Ernst Streckeisen può inaugurare un locale per i servizi divini a Carrara (Italia). Il sacerdote Moretti, che finora curava questi fratelli e sorelle da Milano, diventa conducente della comunità e poco più tardi trasferisce il suo domicilio a Carrara.
La comunità di Barcellona può prendere possesso di un locale nella Calle Reverendo José Bundo. Ora si possono tenere servizi divini a Barcellona-Sants e Barcellona-Horta.
Il 24 agosto, a Basilea viene consacrato il vescovo Gottlieb Ellenberger. 

 << 1920 - 1938          Inizio della pagina          1960 - 1979 >>