Die Neuapostolische Kirche Schweiz

News Chiesa regionale Svizzera

Servizio divino di Capodanno 2017
01.01.2017 / Ostermundigen
Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha celebrato il servizio divino di Capodanno 2017 nella comunità di Berna-Ostermundigen.

Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha celebrato servizio divino di Capodanno 2017 nella comunità di Berna-Ostermundigen. Il servizio divino è stato trasmesso via satellite in Svizzera, Austria, Italia, Spagna, Ungheria, Bulgaria, Slovenia, Cechia, Slovacchia, Romania e Moldavia. Il sommoapostolo è stato accompagnato dall’apostolo di distretto Fehlbaum, dagli apostoli Zbinden, Deubel e Burren, come pure dai vescovi Kreis, Camenzind, Engelmann und Fässler.

Già all’inizio del suo servire, il sommoapostolo pone la domanda: che cosa ci aspetta. Come risposta, egli accenna all’inno del coro: „Egli ha ordinato i suoi angeli“ dicendo che Dio ci dona la sicurezza nonostante quello che ci succede. Dio si aspetta però da noi che ci prepariamo alla rivenuta di Cristo.

Gloria a Dio nostro Padre
Il motto dell'anno 2017 è scritto in Filippesi 4, 20: “Al Dio e Padre nostro sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen.“ Il sommoapostolo Schneider si sofferma su tre punti: riconoscere la grandezza e la magnificenza di Dio attraverso lo Spirito Santo. Ringraziarlo, lodarlo e onorarlo, e annunciare la sua magnificenza.  

Dio è il creatore
Dio ha creato tutto, il mondo materiale come quello spirituale. Noi non siamo i proprietari della creazione, Dio ce l’ha affidata. È un punto molto importante, dice il sommoapostolo e continua dicendo che Dio ha creato un piano di salvezza per tutti gli uomini. Egli ama tutta l’umanità e vuole salvarla. Egli è benevolo e saggio. Glorifichiamo il creatore nel senso che rispettiamo ogni persona quale creatura divina con un’anima. Siamo corresponsabili della creazione, di conseguenza dobbiamo prenderne cura e rispettare la dignità di ogni essere umano.

Dio è l'autorità
Sottostiamo alla volontà divina e riconosciamo l’autorità di Dio come l’ha fatto anche il Figlio di Dio. Attraverso lo Spirito Santo riconosciamo che Dio sa più di noi e come ringraziamento rispettiamo i 10 comandamenti. Il comandamento dell’amore e del perdono pure, dato che la volontà di Dio è fonte di benedizione. Vogliamo essere riconoscenti per i comandamenti; è una via sicura e vogliamo vivere conformemente.

Dio si prende cura
Gesù ha tematizzato più volte Dio come qualcuno che si prende cura degli uomini, dice il sommoapostolo. Come il figliol prodigo che è stato preso in cura dal padre, anche noi siamo presi in cura dal buon Dio che ci dà tutto quello che abbiamo bisogno lungo il nostro cammino di fede. Egli sa quello che abbiamo bisogno, si occupa di noi e ci protegge. Abbiamo fiducia in Dio: ringraziamolo con la nostra disposizione ai sacrifici.

Dio è misericordioso
Il sommoapostolo continua dicendo che il buon Dio ci perdona sempre. Con gratitudine vogliamo anche perdonare il nostro prossimo. Pregare anche per coloro che ci inseguono, dato che Dio vuole salvare anche loro. Tutto ciò lo possiamo fare nella casa di Dio, qui possiamo ricevere perdono, grazia, amore e comunione. Nella sua casa vogliamo onorare Dio.

L'eredità
Quale ultimo punto della sua predica, il sommoapostolo accenna all’eredità. Dio, il Padre, ci ha promesso un’eredità che riceveremo a tempo debito. Per questo vogliamo servirlo e prepararci per la meta della fede, affinchè possiamo essere degni per ricevere l’eredità. Anche qui, vogliamo porre le priorità giuste.

Abbiamo un Padre che ci ama
Dopo il servire dell'apostolo Zbinden e dell’apostolo di distretto Fehlbaum, il sommoapostolo fa riferimento al fatto che Dio dona sempre incondizionatamente grazia e perdono. Dobbiamo essere consapevoli che noi siamo figlioli di Dio, siamo tutti amati, che Dio è con noi e vogliamo essere uniti. In questo senso vogliamo pregare il Padre nostro e festeggiare la Santa Cena.

Incarico all'apostolo Zbinden quale aiutante d’apostolo di distretto
Alla fine del servizio divino, il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha incaricato l’apostolo Jürg Zbinden quale nuovo aiutante d’apostolo di distretto per il distretto apostolare svizzero.