Die Neuapostolische Kirche Schweiz

News Chiesa regionale Svizzera

Vivere la gloria di Dio
11.01.2017 / Solothurn-Zuchwil
L’apostolo di distretto Markus Fehlbaum ha visitato la comunità di Soletta-Zuchwil. Lo hanno accompagnato l’aiutante d’apostolo di distretto Jürg Zbinden, gli apostoli Thomas Deubel e Vasile Cone, i vescovi Pedro Olmedo, Rolf Camenzind e André Kreis, come pure gli evangelisti di distretto Manfred Kahnwald e Jean-Claude Fatio.

L'apostolo di distretto Fehlbaum ha servito con una parola biblica da Esodo 33, 18: „Mostrami la tua gloria!“ "Molti sono restati fedeli e si trovano qui questa sera. In ogni servizio divino ci viene manifestata un po' di gloria divina. Tutto ciò che proviene da Dio, è parte della gloria divina. Dove ci troviamo il più vicino a Gesù? Nel servizio divino. In Giovanni 17,22 leggiamo: E la gloria che tu hai dato a me, io l'ho data a loro, perché siano come noi una cosa sola.“ Una parte della gloria è lo Spirito Santo, il Battesimo d’acqua e la Santa Cena. Gesù ha istituito l'apostolato e riposto quello che noi abbiamo bisogno oggi; egli ha un piano di salvezza magnifico.

Mosè è stato provato, egli ha condotto il popolo d’Israele fuori dalla prigionia egiziana, ha dovuto vivere delle delusioni e, irato, ha rotto le tavole dei dieci comandamenti. Nel suo abbattimento, egli ha espresso il desiderio di vivere la gloria di Dio.“

Aiutante d’apostolo di distretto Zbinden: Risentire e percepire la presenza di Dio, questo è un servizio divino. Attraverso il servire viviamo la forza del servizio divino. Vogliamo creare un contrappeso alla nostra imperfezione. Dio mette le cose a posto, il nostro equilibrio può essere instaurato nuovamente attraverso il suo operare. Vogliamo essere favorevoli per tutti e glorificare Dio.

Vescovo Olmedo: Come possiamo vivere la gloria di Dio? I discepoli di Emmaus erano delusi e si sono allontanati da Gerusalemme. Hanno pregato Dio per qualche cosa di speciale e Gesù li ha accompagnati senza essere riconosciuto. Dopo l'evento, i discepoli hanno potuto dire: non sentivamo forse ardere il cuore dentro di noi mentr'egli ci parlava. Sono passati dalla delusione all'entusiasmo. Quando viviamo delusione e tristezza, parliamo con Dio qui nella sua casa dove egli si manifesta attraverso la sua parola e la sua grazia. Improvvisamente si passa dalla delusione alla pace, alla gioia e a nuove forze.

Apostolo Cone: In ogni servizio divino viviamo la benedizione di Dio, indipendentemente di chi è l'officiante. Spesso veniamo con le nostre proprie idee. Il giorno verrà in cui potremo vivere la grande perfetta gloria. Oggi non è tutto palese. Elia si è trovato una volta molto scontento, egli ha desiderato morire. Un angelo gli ha portato acqua e pane, così ha potuto mantenere le forze. Quello che Dio dà all'altare, lo vogliamo prendere per rafforzare la fede e l'anima.

Vescovo Kreis: È nostro compito di lasciar manifestarsi lo Spirito Santo. La nostra preparazione e la preghiera ci aiutano. Vogliamo prendere qualche cosa dal servizio divino e che il nostro viso possa irradiare di gioia, dato che abbiamo vissuto la gloria.

Vescovo Camenzind: Mi sono chiesto dove possiamo vivere il più possibile la gloria: colà dove il Signore si manifesta. E come possiamo constatarlo? Aprendo il nostro cuore e mettendolo a disposizione di Dio.

Evangelista di distretto Kahnwald: Colà dove regna un re si parla di un regno, dove c’è un principe, si parla di principato. Dove „nobili signori“ abitano, si parla di gloria. Se guardiamo nelle comunità vediamo che dovremmo trovarsi in mezzo alla gloria. Pertanto abbiamo bisogno di collirio, affinchè i nostri occhi siano santificati e che possiamo vedere; in verità qui regna il Signore!

Apostolo di distretto Fehlbaum: „Gesù nel suo grande amore ci ha portato la gloria. Nel servizio divino, lo Spirito Santo deve agire, affinchè noi ci sentiamo a nostro agio.“

Dopo la dispensazione della Santa Cena, un giovane ha potuto ricevere il dono dello Spirito Santo.